FabLab e Crowdfunding entrano nelle scuole

FabLab-School

FabLab, la rivoluzione “dal basso” che parte dalle scuole

L’innovazione e il crowdfunding non devono essere considerati un affare per pochi esperti, capaci di districarsi al meglio fra complicati meccanismi tecnologici e leggi farriginose, ma possono davvero diventare alla portata di tutti.

E’ esattamente quello che si sta cercando di fare in alcune scuole del Nord Est d’Italia, attraverso la creazione di FabLab interni, dove la creatività degli studenti e la tecnologia applicata all’artigianato possono incontrarsi, dando vita a progetti di notevole impatto sociale.

Il FabLab rappresenta la nuova dimensione del laboratorio artigianale di un tempo, dove non sono mani sapienti a costruire gli oggetti, ma stampanti 3D, che stanno diventando sempre più diffuse e con prezzi che almeno un’impresa o professionisti possono ormai permettersi.

Questa grandissima invenzione che è la stampa 3D è destinata a rivoluzionare il nostro modo di realizzare oggetti e, soprattutto, a rendere possibile per chiunque di costruire in poco tempo un prototipo di un oggetto ideato poco prima, quantomeno in grado di essere mostrato e diffuso per migliorarlo e affinare l’idea di base. Qualcosa di davvero impensabile fino a poco tempo fa.

E’ evidente, quindi, come queste tecnologie rendano possibile la partecipazione di chiunque ai processi innovativi in atto e come fare una startup non sia più riservato a imprenditori navigati che vogliano destinare parte dei loro investimenti ad ambiziose e dispendiose ricerche.

Oggi anche un ragazzino ha gli strumenti giusti a disposizione per poter trasformare una sua brillante idea in impresa e, soprattutto, realizzare un prototipo di qualsiasi oggetto nella maniera semplice che abbiamo appena descritto.

Le scuole italiane nel Nord Est che hanno dato vita ai loro FabLab sono convinte che non bisogna aspettare nessuno, perchè la crisi in atto è in realtà una nuova “rivoluzione industriale”, dalla quale si esce solo se si interpreta per tempo e al meglio il cambiamento in atto, diventandone protagonisti.

Cosa si progetta nei FabLab scolastici

FabLab-a-scuola

I ragazzi si stanno già dando un gran da fare lavorando intensamente all’interno dei FabLab. I progetti per i quali si stanno cercando finanziamenti attraverso il crowdfunding sono cinque.

Si va dall’idea “Una aiuto che viene dal cielo“, in cui si pensa ad un drone in grado di trasportare farmaci salvavita in caso di emergenza, al “Fashion FabLab“, dove si creeranno abiti altamente personalizzati attraverso l’utilizzo di un laser cutter e di un body scanner.

C’è poi la semplice ma evoluta realizzazione del “G.M. Lab“, un FabLab aperto a tutti, anche a chi non fa parte della scuola, in cui poter utilizzare laser cutter e stampante 3D, oltre alla possibilità di partecipare a workshop tematici dirette ad ampliare le conoscenze e competenze in ambito tecnologico.

Come si finanziano i FabLab delle scuole

Il finanziamento dei FabLab non poteva che essere realizzato con lo strumento principe della finanza 2.0: il crowdfunding.

Sulla piattaforma dedicata tutti, quindi anche chi non ha nessuna connessione con le scuole coinvolte nel progetto, possono finanziare le iniziative descritte, attraverso il meccanismo del “reward basedcrowdfunding, in cui chi mette a disposizione una somma di denaro predefinita per una determinata idea ottiene in cambio una ricompensa proporzionata all’apporto offerto.

Si parte da contributi di soli 5€ per arrivare a contributi fino a 1000€. La scuola del futuro è nata ed è già presente nella parte più produttiva d’Italia, il Nord Est.

Un esempio positivo che tutti i dirigenti scolastici dovrebbero adottare per cambiare il futuro del nostro Paese, favorendo la diffusione della cultura d’impresa e la nascita di giovani leve di imprenditori, come avviene ormai da decenni nei Paesi più evoluti del mondo.

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su “Mi Piace” e aiutaci a condividerlo.

Foto del profilo di Stefano Narducci
Avvocato d’impresa. Si occupa prevalentemente delle problematiche legali del mondo business, con competenze multidisciplinari soprattutto in ambito digitale e web. Esperto di Startup, Crowdfunding, Contrattualistica e Diritto Digitale. Nel 2015 ha conseguito il titolo di “Specialist in Start Up d’impresa” presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.
0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Privacy Policy

La presente Privacy Policy descrive le modalità di gestione di questo sito web, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.

L’informativa è resa anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs n. 196/2003 – Codice in materia di protezione dei dati personali – a coloro che si collegano al sito raggiungibile digitando l’indirizzo web http://www.startupclub.it/. Il sito http://startupclub.it/ è di proprietà dell’avv. Stefano Narducci e gestito dall’Associazione Startup Club, Via Ciaia, 12, 72015 Fasano (BR).

L’Associazione Startup Club, garantisce il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, ai sensi e per gli effetti di cui al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice della Privacy).

Gli utenti/visitatori sono tenuti a prendere visione della seguente Privacy Policy, leggendola con attenzione prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul suddetto sito.

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

1) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono alcuni dati personali che vengono trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti/visitatori (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti/visitatori che si collegano al sito, ecc.).

I dati in questione vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico e sono quindi trattati in forma anonima, nonché per controllare il corretto funzionamento del sito, e non vengono trattenuti a seguito della loro elaborazione.

Nel caso in cui gli utenti/visitatori utilizzino i moduli di contatto presenti sul sito web, i dati immessi verranno utilizzati solo ed esclusivamente per assolvere alle richieste inoltrate e nessun dato verrà comunicato o diffuso a terzi.

2) Dati forniti volontariamente dagli utenti/visitatori
Qualora gli utenti/visitatori, collegandosi a questo sito, inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi (es. download di contenuti digitali gratuiti, iscrizione all’associazione o registrazione al sito, iscrizione a mailing list e newsletter, modulo di contatto, ecc.) ovvero per effettuare richieste specifiche, i dati personali comunicati al gestore del sito verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta ovvero per la fornitura del servizio, nonché per tenere informati i visitatori che ne abbiano fatto richiesta su novità e informazioni comunque di loro interesse, che verranno fornite mediante invio di messaggi periodici di posta elettronica all’indirizzo dai medesimi comunicato in fase di registrazione.

I dati e le informazioni fornite dagli utenti/visitatori servono altresì a fornire contenuti e servizi personalizzati agli stessi, in modo da ottimizzare la loro esperienza di navigazione e l’utilizzo del sito web.

I dati personali forniti dagli utenti/visitatori verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui la comunicazione sia necessaria in ragione delle specifiche richieste degli utenti/visitatori (che saranno in tal caso avvisati all’uopo) ovvero laddove essi abbiano autorizzato espressamente tale condivisione.

Nessun dato personale sensibile (es. razza, religione o simili) è raccolto dal sito web e di conseguenza condiviso con terze parti. Le immagini presenti sul portale sono esemplificative, fornite da terze parti o dalle stesse aziende produttrici che ne hanno autorizzato la pubblicazione.

3) Cookies
Non è fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti (es. tecniche di c.d. “remarketing”) di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

L’uso di c.d. cookies di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. In particolare essi vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e la qualità dei servizi loro forniti.

I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente, atteso che i cookies utilizzati identificano in modo univoco soltanto il browser web dell’utente installato su uno specifico pc, mai le persone dei navigatori.

Modalità del trattamento

Il trattamento dei dati personali è effettuato per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati stessi sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni vigenti in materia di tutela della privacy (D. Lgs. n. 196/2003).

Facoltatività del conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, gli utenti/visitatori sono liberi di fornire ovvero non fornire i propri dati personali. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di soddisfare le richieste effettuate al gestore del sito e/o al responsabile del trattamento dei dati personali, che provvederanno a informare tempestivamente l’utente/visitatore, invitandolo a inoltrare i dati mancanti essenziali per poter ottenere il servizio dal medesimo richiesto.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali

Il Titolare del trattamento è il sig. Stefano Narducci (presidente dell’Associazione Startup Club), il quale è altresì responsabile del trattamento stesso secondo le disposizioni vigenti in materia.

Diritti degli interessati

Gli utenti/visitatori che forniscono i loro dati personali a seguito dell’utilizzo del presente sito e delle sue funzionalità hanno diritto, in qualunque momento, di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza, chiederne l’integrazione, l’aggiornamento oppure la rettifica, ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. n. 196/2003.

Gli utenti/visitatori che abbiano fornito i loro dati personali al titolare/responsabile del trattamento, ai sensi della Privacy Policy del presente sito, hanno il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento inviando una e-mail a info@startupclub.it.

A tal fine il titolare/responsabile del trattamento dei dati personali, in relazione ai dati immessi per usufruire di specifici servizi (ad es. iscrizione alla mailing list del sito e/o newsletter periodica), consente la cancellazione semplificata degli utenti dalle liste cui si siano volontariamente iscritti, mediante un link di collegamento al software di gestione delle mailing list.

Foto del profilo di Stefano Narducci
Avvocato d’impresa. Si occupa prevalentemente delle problematiche legali del mondo business, con competenze multidisciplinari soprattutto in ambito digitale e web. Esperto di Startup, Crowdfunding, Contrattualistica e Diritto Digitale. Nel 2015 ha conseguito il titolo di “Specialist in Start Up d’impresa” presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.

Come possiamo aiutarti?

Inviaci un messaggio, ti risponderemo entro 24 ore!

Invio

© [2015] Associazione STARTUP CLUB 

Termini e Condizioni di utilizzo

Loggati con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dettagli?