Soldi per la tua Startup? Ecco come fare con Smart&Start

Smart&Start

Finanziamenti per tutte le Startup italiane

La nuova versione dello Smart&Start, il bando di Invitalia diretto a finanziare le startup innovative, cambia completamente volto. Una delle principali novità riguarda l’apertura verso tutto il territorio nazionale, senza più la riserva che lo vedeva favorire le startup del Sud Italia.

I principali destinatari sono le startup innovative che non sono costituite da più di 48 mesi e che hanno un valore della produzione non superiore ai 5 milioni di euro. Ovviamente, trattandosi di “startup innovative” devono esserlo nella sostanza. Ciò vuol dire che occorre possedere il requisito cardine per poter essere iscritti nello speciale registro dedicato: “offrire prodotti o servizi ad alto valore innovativo e tecnologico“.

Il bando prevede che possano accedere anche coloro i quali non si siano ancora costituiti in forma societaria (ricordiamo che è obbligatorio essere costituiti come società di capitali per poter essere iscritti nell’apposito registro e ottenere il riconoscimento di startup innovativa), ma questa ipotesi la scarteremmo per alcuni motivi che vedremo successivamente.

Quali attività sono ammesse

Innovative

Come abbiamo anticipato, per poter essere “innovativi” bisogna creare prodotti o servizi che rispondano a questo fumuso requisito. Fumoso perchè la legge si limita a specificare che il servizio o il prodotto innovativo deve essere “ad alto valore tecnologico”, ma questo vuol dire tutto e niente, lasciando quindi alle interpretazioni più varie la precisazione del concetto.

C’è però un aiuto che viene sempre da una legge non proprio perfetta. Chi decide che si è una “startup innovativa” – almeno al momento dell’iscrizione nel registro delle imprese – è l’amministratore della stessa (come organo operativo della startup, non come unico in grado di deciderlo, soprattutto se si tratta di una persona che non è nemmeno socio della startup, come può anche essere).

Lo Smart&Start, a sua volta, non si discosta granchè da queste espressioni romantiche, ribadendo che i beni o servizi devono caratterizzarsi “per il forte contenuto innovativo o tecnologico”; che si può trattare di “prodotti, servizi o soluzioni nell’ambito dell’economia digitale”; che si basano sulla “valorizzazione dei risultati della ricerca pubblica e privata (spin off da ricerca)”. In quest’ultimo caso, leggendo l’espressione usata, ci capiamo qualcosa in più.

Certamente usare espressioni e termini che difficilmente si possono racchiudere entro confini precisi finisce per lasciare ampio spazio al potere discrezionale di chi deve decidere se finanziare o meno un progetto. Il che va più che bene quando si tratta di finanziamenti privati, ma molto meno quando i soldi sono pubblici. Ci saremmo aspettati una maggiore precisione, anche per evitare di ingolfare chi deve valutare le domande, con notevole aumento dei tempi di finanziamento.

Che cosa finanzia

Money

L’importo del finanziamento richiesto non può essere inferiore ai 100.000 euro e superiore a 1 milione e mezzo di euro. Con questi soldi, sicuramente non pochi, è possibile acquistare macchinari, impianti e attrezzature tecnologiche, ma anche brevetti, licenze, know-how e consulenze specialistiche.

Rientrano fra le spese ammissibili anche quelle gestionali, che riguardano quindi personale, dipendenti e collaboratori; le licenze per brevetti o altri titoli di proprietà industriale; i costi sostenuti per servizi di accelerazione; leasing e interessi per finanziamenti esterni. Tutte le spese previste dovranno essere sostenute entro 2 anni dalla stipula del contratto di finanziamento.

In che cosa consistono le agevolazioni finanziarie

Chiariamo un aspetto che forse ancora molti ignorano o non hanno compreso appieno. Il nuovo Smart&Start ha in comune con il vecchio bando soltanto il nome. In questo caso non c’è quota erogata a fondo perduto, tranne che per le startup del Sud e quelle della zona de L’Aquila, dove si arriva a prevedere una quota in tal senso pari al 20% del finanziamento ottenuto.

Si tratta quindi di un finanziamento a tasso zero, un prestito in buona sostanza, come quelli che possono concerderti (se ne trovi disponibili…) le banche, solo che in questo caso hai ben 8 anni per restituire la somma e non paghi interessi.

Facendo i conti della serva, se hai bisogno di 100.000 euro nella maggior parte dei casi ne ottieni 70.000 e devi metterne di tasca tua altri 30.000 (per Invitalia puoi anche trovare dei co-finanziatori e la cosa è vista di buon occhio), quindi direttamente oppure tramite un Business Angel che voglia sfruttare insieme a te la leva finanziaria che si viene a generare.

Ulteriori agevolazioni previste

La startup che è costituita da meno di 12 mesi ha diritto anche ad un servizio di “tutoring tecnico-gestionale”. Sembrerebbe che Invitalia si sia preoccupata delle startup più giovani. Visto che i soldi che gli danno non sono a fondo perduto, cercano di farglieli spendere meglio di come protrebbero fare da soli.

Sicuramente ci sono dei servizi assolutamente essenziali e spesso sottovalutati dalle startup nelle fasi iniziali di vita, in cui si è concentrati moltissimo sul prodotto/servizio e sul suo migliore sviluppo dimenticandosi magari della comunicazione e del marketing. In questo caso, invece, si avranno a disposizione esperti che guideranno gli startupper soprattutto nella pianificazione finanziaria, nel marketing, nella gestione dell’innovazione e nella fase organizzativa.

Come sfruttare al meglio lo Smart&Start

Crescita-800

E’ bene innanzitutto chiarire che questo bando, nonostante sia aperto anche a chi la sua startup non l’ha ancora costituita è vivamente sconsigliato – a nostro parere – a questa categoria di startupper. Diversamente da quanto avveniva con il precedente bando qui i soldi sono “prestati” e devono essere restituiti, seppur in tempi non brevissimi.

Nascere avendo già un bel debito addosso – visto che parliamo di non meno di 100k – vuol dire dover rincorrere chi è già in una fase più avanzata ed ha avuto meno ansie nel confrontarsi con un angel che vuole sicuramente che le cose vadano per il meglio, ma se vanno male ha perso i soldi che ha scommesso e tutto finisce così.

Quindi meglio essere già in una fase avanzata del progetto, magari con qualche centinaio di migliaio di euro di investimenti privati in groppa e sfruttare i soldi dello Smart&Start come leva finanziaria. Anche perchè ci sono delle voci di spesa ammissibili che più si prestano a chi è già strutturato, come per esempio quelle dedicate a dipendenti, collaboratori, brevetti/licenze, macchinari e addirittura interessi su finanziamenti esterni.

Come puoi farti aiutare da Startup Club

StartupClub-800

Startup Club è un’associazione che ha messo al centro del suo progetto il capitale umano, sia come professionisti associati, sia come startup da supportare nella fase di sviluppo. Proprio perchè la nostra è una mission sociale vogliamo sceglierci reciprocamente con gli startupper, puntando sui progetti che maggiormente ci convincono, nello stesso modo in cui fa un Business Angel o un fondo di VC.

Per lo Smart&Start mettiamo a disposizione degli startupper alcuni dei migliori professionisti in finanza agevolata, di elevato spessore anche sotto il profilo umano, aspetto non secondario. Con il nostro aiuto le startup potranno individuare il piano di investimenti più adeguato alla loro dimensione e alle loro ambizioni, predisporre la documentazione per la partecipazione al bando ed essere supportate anche nella fase successiva, nel caso in cui ottengano i fondi.

Non siamo una società di consulenza finanziaria, per cui il nostro obiettivo, come già detto poc’anzi, non è quello di far ottenere soldi alle startup e basta, ma aiutarle ad avere successo, mettendo in campo alcuni dei nostri migliori professionisti soprattutto nella delicata fase in cui i soldi occorre spenderli, facendoli fruttare al meglio.

Hai qualche domanda da porci? Ti piacerebbe partecipare al bando ed vuoi essere seguito dal nostro team di esperti? Contattaci subito!

Foto del profilo di Stefano Narducci
Avvocato d’impresa. Si occupa prevalentemente delle problematiche legali del mondo business, con competenze multidisciplinari soprattutto in ambito digitale e web. Esperto di Startup, Crowdfunding, Contrattualistica e Diritto Digitale. Nel 2015 ha conseguito il titolo di “Specialist in Start Up d’impresa” presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.
0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Privacy Policy

La presente Privacy Policy descrive le modalità di gestione di questo sito web, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.

L’informativa è resa anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs n. 196/2003 – Codice in materia di protezione dei dati personali – a coloro che si collegano al sito raggiungibile digitando l’indirizzo web http://www.startupclub.it/. Il sito http://startupclub.it/ è di proprietà dell’avv. Stefano Narducci e gestito dall’Associazione Startup Club, Via Ciaia, 12, 72015 Fasano (BR).

L’Associazione Startup Club, garantisce il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, ai sensi e per gli effetti di cui al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice della Privacy).

Gli utenti/visitatori sono tenuti a prendere visione della seguente Privacy Policy, leggendola con attenzione prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul suddetto sito.

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

1) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono alcuni dati personali che vengono trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti/visitatori (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti/visitatori che si collegano al sito, ecc.).

I dati in questione vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico e sono quindi trattati in forma anonima, nonché per controllare il corretto funzionamento del sito, e non vengono trattenuti a seguito della loro elaborazione.

Nel caso in cui gli utenti/visitatori utilizzino i moduli di contatto presenti sul sito web, i dati immessi verranno utilizzati solo ed esclusivamente per assolvere alle richieste inoltrate e nessun dato verrà comunicato o diffuso a terzi.

2) Dati forniti volontariamente dagli utenti/visitatori
Qualora gli utenti/visitatori, collegandosi a questo sito, inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi (es. download di contenuti digitali gratuiti, iscrizione all’associazione o registrazione al sito, iscrizione a mailing list e newsletter, modulo di contatto, ecc.) ovvero per effettuare richieste specifiche, i dati personali comunicati al gestore del sito verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta ovvero per la fornitura del servizio, nonché per tenere informati i visitatori che ne abbiano fatto richiesta su novità e informazioni comunque di loro interesse, che verranno fornite mediante invio di messaggi periodici di posta elettronica all’indirizzo dai medesimi comunicato in fase di registrazione.

I dati e le informazioni fornite dagli utenti/visitatori servono altresì a fornire contenuti e servizi personalizzati agli stessi, in modo da ottimizzare la loro esperienza di navigazione e l’utilizzo del sito web.

I dati personali forniti dagli utenti/visitatori verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui la comunicazione sia necessaria in ragione delle specifiche richieste degli utenti/visitatori (che saranno in tal caso avvisati all’uopo) ovvero laddove essi abbiano autorizzato espressamente tale condivisione.

Nessun dato personale sensibile (es. razza, religione o simili) è raccolto dal sito web e di conseguenza condiviso con terze parti. Le immagini presenti sul portale sono esemplificative, fornite da terze parti o dalle stesse aziende produttrici che ne hanno autorizzato la pubblicazione.

3) Cookies
Non è fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti (es. tecniche di c.d. “remarketing”) di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

L’uso di c.d. cookies di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. In particolare essi vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e la qualità dei servizi loro forniti.

I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente, atteso che i cookies utilizzati identificano in modo univoco soltanto il browser web dell’utente installato su uno specifico pc, mai le persone dei navigatori.

Modalità del trattamento

Il trattamento dei dati personali è effettuato per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati stessi sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni vigenti in materia di tutela della privacy (D. Lgs. n. 196/2003).

Facoltatività del conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, gli utenti/visitatori sono liberi di fornire ovvero non fornire i propri dati personali. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di soddisfare le richieste effettuate al gestore del sito e/o al responsabile del trattamento dei dati personali, che provvederanno a informare tempestivamente l’utente/visitatore, invitandolo a inoltrare i dati mancanti essenziali per poter ottenere il servizio dal medesimo richiesto.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali

Il Titolare del trattamento è il sig. Stefano Narducci (presidente dell’Associazione Startup Club), il quale è altresì responsabile del trattamento stesso secondo le disposizioni vigenti in materia.

Diritti degli interessati

Gli utenti/visitatori che forniscono i loro dati personali a seguito dell’utilizzo del presente sito e delle sue funzionalità hanno diritto, in qualunque momento, di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza, chiederne l’integrazione, l’aggiornamento oppure la rettifica, ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. n. 196/2003.

Gli utenti/visitatori che abbiano fornito i loro dati personali al titolare/responsabile del trattamento, ai sensi della Privacy Policy del presente sito, hanno il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento inviando una e-mail a info@startupclub.it.

A tal fine il titolare/responsabile del trattamento dei dati personali, in relazione ai dati immessi per usufruire di specifici servizi (ad es. iscrizione alla mailing list del sito e/o newsletter periodica), consente la cancellazione semplificata degli utenti dalle liste cui si siano volontariamente iscritti, mediante un link di collegamento al software di gestione delle mailing list.

Foto del profilo di Stefano Narducci
Avvocato d’impresa. Si occupa prevalentemente delle problematiche legali del mondo business, con competenze multidisciplinari soprattutto in ambito digitale e web. Esperto di Startup, Crowdfunding, Contrattualistica e Diritto Digitale. Nel 2015 ha conseguito il titolo di “Specialist in Start Up d’impresa” presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.

Come possiamo aiutarti?

Inviaci un messaggio, ti risponderemo entro 24 ore!

Invio

© [2015] Associazione STARTUP CLUB 

Termini e Condizioni di utilizzo

Loggati con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dettagli?