Startup e Business Plan. Serve davvero?

Business-Plan

La questione del Business Plan per le startup si ripropone periodicamente, soprattutto quando si affrontano gli aspetti economico-finanziari che sono alla base dei “nuovi business innovativi” che quotidianamente si affacciano sul mercato.

Gli esperti e gli stessi startupper si confrontano continuamente, aprendo dibattiti che vedono spesso formarsi schieramenti quasi bellici, dividendo i fautori del “business plan ad ogni costo” da quelli che “del business plan si può fare a meno”.

Molto spesso la differenza di idee e impostazioni dipende dalle finalità e dalle fasi in cui si trova il progetto, perchè startup non si è soltanto nelle primissime fasi di vita, ma per diversi anni.

Secondo la nostra normativa, riferita proprio alle startup innovative, il regime di “start up” dura 5 anni, quelli per i quali sono concesse numerose e importanti agevolazioni. Periodo che non si discosta anche dal ciclo di vita reale della fase di startup, che impiega più o meno lo stesso numero di anni per acquistare la necessaria maturità sul mercato di riferimento.

Il punto di vista di un “guru” del settore. Il Business Plan deve essere dettagliato?

Secondo il prof. Mikkel Draebye, docente della SDA Bocconi ed esperto di startup, il Business Plan, soprattutto quello più dettagliato e completo che viene utilizzato per presentare la propria startup agli investitori, non serve nelle prime fasi di vita.

Il motivo è piuttosto semplice e condivisibile. Per poter comprendere appieno ogni aspetto e i possibili sviluppi del proprio business è necessario testarlo sul mercato e raccogliere utili feedback, per capire quale sia la direzione giusta capace di rendere scalabile il progetto.

Bisogna quindi distinguere opportunamente fra il Business Plan richiesto da investitori e istituzionali e gli strumenti di pianificazione del business più leggeri, più “lean” e quindi più adatti a chi sta progettando ancora su carta la propria startup e non ha ben chiara la direzione da dare alla stessa, ma vuole scoprirlo sul campo, confrontandosi con il target di riferimento.

In questi casi, secondo il prof. Draebye, è necessario mettere da parte il business plan e utilizzare uno strumento ormai entrato da anni nella “cassetta degli attrezzi” delle startup di un po’ tutto il mondo, vale a dire il Business Model Canvas.

Questo strumento, molto duttile e visuale, consente di cogliere al volo gli aspetti pregnanti del business che si sta costruendo e di comunicarli in modo molto semplice, proprio perchè schematico e immediato.

Esso è continuamente aggiornabile, dato che solitamente le 9 categorie che lo compongono vengono riempite con dei semplici post-it, e consente di stare al passo con gli sviluppi della startup, avendo al suo interno anche alcuni riquadri dedicati a costi e ricavi, che permettono allo startupper di rendere chiaro l’aspetto economico-finanziario.

Il Business Plan nell’esperienza del nostro staff

Il punto di vista del prof. Draebye è condivisibile anche da parte di chi quotidianamente supporta le startup dalla fase pre-nascita agli sviluppi successivi? Pare proprio di si.

Nell’intervista che segue, Fabio Buongiorno, commercialista esperto del settore, che assiste e supporta come mentor in ambito economico-finanziario le startup accelerate da Startup Club, parla dell’esperienza fatta nell’ultimo anno e mezzo, affiancando circa 20 nuove startup, quasi tutte in fase pre-seed.

Crowdfunding. Radio Stonata. rubrica. 04.11.2015. Startup Club, Fabio Bongiorno. Businness Plan by Elisabetta Casarin on Mixcloud

Una delle differenze significative nella sua idea al riguardo, rispetto a quanto espresso dal docente della Bocconi, concerne la parte descrittiva del Business Plan. Secondo Fabio Buongiorno si tratta di un aspetto importante e non trascurabile, al quale vale la pena dedicare del tempo.

Infatti, ragionare sull’idea e sulla sua traduzione in business, sulle competenze interne, sul team e soprattutto sulla execution è piuttosto utile per capire da dove si parte e quali sono le lacune che bisognerà presto colmare se si vuole rendere positiva la voce dedicata ai “ricavi”.

Meno importante – e la conferma viene anche dal valore attribuito da importanti competition del settore, come ad es. Unicredit Start Labla parte prettamente economico-finanziaria, cioè stato patrimoniale e conto economico tanto per intenderci.

Questa, soprattutto nelle fasi pre-seed, si traduce in un mero esercizio di stile, dove a fronte di dati certi come i costi che la startup dovrà affrontare, avremo dati al limite dell’arbitrario per quanto concerne invece la voce dei ricavi.

Spesso, infatti, si tende a utilizzare moltiplicatori poco attendibili per dimostrare a se stessi e ai potenziali business angels che il progetto può funzionare. Ma ciò, a fronte di test di mercato non ancora effettuati, rischia di banalizzare e rendere poco appetibili anche progetti che in base all’idea e all’execution potrebbero invece funzionare.

Meglio quindi volare basso e concentrarsi sugli aspetti preponderanti, come la “value proposition”, che lanciarsi in proiezioni finanziarie degne – sulla carta – di Google e Facebook.

 

Foto del profilo di Startup Club
Startup Club è l’associazione che accelera l’innovazione, connettendo startupper, imprenditori, investitori e players istituzionali del mondo startup. Con il mentoring del Club puoi trasformare velocemente un buon progetto in una startup di successo.
0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Privacy Policy

La presente Privacy Policy descrive le modalità di gestione di questo sito web, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.

L’informativa è resa anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs n. 196/2003 – Codice in materia di protezione dei dati personali – a coloro che si collegano al sito raggiungibile digitando l’indirizzo web http://www.startupclub.it/. Il sito http://startupclub.it/ è di proprietà dell’avv. Stefano Narducci e gestito dall’Associazione Startup Club, Via Ciaia, 12, 72015 Fasano (BR).

L’Associazione Startup Club, garantisce il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, ai sensi e per gli effetti di cui al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice della Privacy).

Gli utenti/visitatori sono tenuti a prendere visione della seguente Privacy Policy, leggendola con attenzione prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul suddetto sito.

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

1) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono alcuni dati personali che vengono trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti/visitatori (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti/visitatori che si collegano al sito, ecc.).

I dati in questione vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico e sono quindi trattati in forma anonima, nonché per controllare il corretto funzionamento del sito, e non vengono trattenuti a seguito della loro elaborazione.

Nel caso in cui gli utenti/visitatori utilizzino i moduli di contatto presenti sul sito web, i dati immessi verranno utilizzati solo ed esclusivamente per assolvere alle richieste inoltrate e nessun dato verrà comunicato o diffuso a terzi.

2) Dati forniti volontariamente dagli utenti/visitatori
Qualora gli utenti/visitatori, collegandosi a questo sito, inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi (es. download di contenuti digitali gratuiti, iscrizione all’associazione o registrazione al sito, iscrizione a mailing list e newsletter, modulo di contatto, ecc.) ovvero per effettuare richieste specifiche, i dati personali comunicati al gestore del sito verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta ovvero per la fornitura del servizio, nonché per tenere informati i visitatori che ne abbiano fatto richiesta su novità e informazioni comunque di loro interesse, che verranno fornite mediante invio di messaggi periodici di posta elettronica all’indirizzo dai medesimi comunicato in fase di registrazione.

I dati e le informazioni fornite dagli utenti/visitatori servono altresì a fornire contenuti e servizi personalizzati agli stessi, in modo da ottimizzare la loro esperienza di navigazione e l’utilizzo del sito web.

I dati personali forniti dagli utenti/visitatori verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui la comunicazione sia necessaria in ragione delle specifiche richieste degli utenti/visitatori (che saranno in tal caso avvisati all’uopo) ovvero laddove essi abbiano autorizzato espressamente tale condivisione.

Nessun dato personale sensibile (es. razza, religione o simili) è raccolto dal sito web e di conseguenza condiviso con terze parti. Le immagini presenti sul portale sono esemplificative, fornite da terze parti o dalle stesse aziende produttrici che ne hanno autorizzato la pubblicazione.

3) Cookies
Non è fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti (es. tecniche di c.d. “remarketing”) di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

L’uso di c.d. cookies di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. In particolare essi vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e la qualità dei servizi loro forniti.

I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente, atteso che i cookies utilizzati identificano in modo univoco soltanto il browser web dell’utente installato su uno specifico pc, mai le persone dei navigatori.

Modalità del trattamento

Il trattamento dei dati personali è effettuato per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati stessi sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni vigenti in materia di tutela della privacy (D. Lgs. n. 196/2003).

Facoltatività del conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, gli utenti/visitatori sono liberi di fornire ovvero non fornire i propri dati personali. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di soddisfare le richieste effettuate al gestore del sito e/o al responsabile del trattamento dei dati personali, che provvederanno a informare tempestivamente l’utente/visitatore, invitandolo a inoltrare i dati mancanti essenziali per poter ottenere il servizio dal medesimo richiesto.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali

Il Titolare del trattamento è il sig. Stefano Narducci (presidente dell’Associazione Startup Club), il quale è altresì responsabile del trattamento stesso secondo le disposizioni vigenti in materia.

Diritti degli interessati

Gli utenti/visitatori che forniscono i loro dati personali a seguito dell’utilizzo del presente sito e delle sue funzionalità hanno diritto, in qualunque momento, di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza, chiederne l’integrazione, l’aggiornamento oppure la rettifica, ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. n. 196/2003.

Gli utenti/visitatori che abbiano fornito i loro dati personali al titolare/responsabile del trattamento, ai sensi della Privacy Policy del presente sito, hanno il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento inviando una e-mail a info@startupclub.it.

A tal fine il titolare/responsabile del trattamento dei dati personali, in relazione ai dati immessi per usufruire di specifici servizi (ad es. iscrizione alla mailing list del sito e/o newsletter periodica), consente la cancellazione semplificata degli utenti dalle liste cui si siano volontariamente iscritti, mediante un link di collegamento al software di gestione delle mailing list.

Foto del profilo di Startup Club
Startup Club è l’associazione che accelera l’innovazione, connettendo startupper, imprenditori, investitori e players istituzionali del mondo startup. Con il mentoring del Club puoi trasformare velocemente un buon progetto in una startup di successo.

Come possiamo aiutarti?

Inviaci un messaggio, ti risponderemo entro 24 ore!

Invio

© [2015] Associazione STARTUP CLUB 

Termini e Condizioni di utilizzo

Loggati con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dettagli?