Startup e Crowdfunding a Taranto. Gli spunti più interessanti

startup-Taranto

Startup innovative e crowdfunding, il tema del momento di cui si è discusso anche a Taranto durante la tavola rotonda organizzata dall’Unione dei Giovani Dottori Commercialisti presso la locale sede della Facoltà di Giurisprudenza.

Una tematica che implica un approccio completamente nuovo da parte di tutti gli stakeholder e dei professionisti in particolare, chiamati ad occupare un ruolo nuovo e strategico nel processo di creazione e sviluppo imprenditoriale, diventando sempre più i “mentor” dei loro clienti, guidandoli così in un percorso che può diventare virtuoso e ricco di soddisfazioni se affrontato nel modo giusto.

Il presidente dell’Unione dei Giovani Commercialisti di Taranto, Maurizio Maraglino, moderatore dell’evento, ha insistito sulla necessità di “creare valore”, sia nell’approccio professionale di una categoria che non può più soltanto occuparsi delle vicende fiscali delle imprese; sia in relazione al percorso che devono intraprendere le stesse imprese e le startup, perchè il loro successo è legato proprio al valore che il loro prodotto/servizio riesce ad offrire ad una platea più o meno ampia, intesa ormai in senso globale.

startup innovative-crowdfunding-taranto

Le banche nel processo di crescita delle startup

Si è parlato anche delle banche e del loro ruolo nel processo di creazione e sviluppo delle startup, vista la partecipazione di Emanuele di Palma, direttore generale della BCC di San Marzano, impegnata a dare il suo contributo per lo sviluppo del territorio.

Di Palma ha tenuto a precisare che le banche hanno vincoli che condizionano l’azione di sostegno alla nuova imprenditoria, per cui non possono trasformarsi in fondi di venture capital, sia perchè non risponde al loro ruolo, sia perchè le stesse normative non lo consentono. Ma ciò non significa essere distanti dalle esigenze degli startupper.

Il ruolo della banca diventa quindi importante nella fase di sviluppo e di crescita della startup, più che in quella di lancio, perchè in quel momento vi è la possibilità di finanziare un progetto interessante anche sfruttando le agevolazioni derivanti dal Fondo di Garanzia statale, che consente di coprire il prestito bancario fino all’80% del suo valore, superando le note resistenze del settore verso il rischio legato ai progetti innovativi.

Il programma di accelerazione della LUM per consolidare le startup pugliesi sul mercato

Di grande interesse l’intervento del pro rettore dell’Università LUM Jean Monnet, Antonello Garzoni, che ha evidenziato alcune esigenze delle startup che sono sul mercato da qualche anno, le quali necessitano dello slancio necessario per spiccare il volo.

L’occasione è data dal programma di accelerazione che l’Università LUM – rappresentata all’evento dal prof. Garzoni – ha ideato. Esso viene incontro alle esigenze manageriali delle startup innovative pugliesi già costituite e quindi in una fase più avanzata rispetto a chi parte da zero.

Sicuramente, in entrambi i casi – startup in fase di avvio e startup in fase avanzata – occorre una formazione adeguata all’obiettivo, ma le seconde hanno bisogno per lo più di un apporto manageriale che consenta loro di affrontare e raggiungere più velocemente i mercati di sbocco, affinando il modello di business e sviluppando il network.

In questa fase di crescita l’apporto degli esperti manager d’impresa, l’esperienza e la consulenza strategica diventano fondamentali per evitare che un bel progetto possa naufragare a causa dell’inesperienza e di competenze interne non del tutto allineate con gli obiettivi e con le prospettive aziendali. Si tratta quindi di trasformare i progetti più interessanti in aziende strutturate. Una fase in cui accompagnare le startup con mentorship, fundraising e networking per far loro spiccare il volo.

Le startup come opportunità di crescita per le PMI del territorio

Le oltre 3200 startup innovative iscritte nell’apposita sezione del registro delle imprese rappresentano una grande occasione di rinnovamento dell’imprenditoria italiana e non possono essere ricondotte soltanto all’iniziativa di qualche brillante laureato stanco di aspettare opportunità che ormai non arrivano più da nessuna parte.

Le startup rappresentano già oggi una via di fuga per il rinnovamento e il rilancio delle PMI, in attesa che la riforma ormai in dirittura d’arrivo apra le porte delle agevolazioni anche alle PMI innovative.

In tal senso, Daniele Virgillito, dottore commercialista e segretario dell’UNGDCEC di Catania, suggerisce una lettura della normativa sulle startup come opportunità per il passaggio generazionale delle PMI e come possibilità di diversificazione dell’attività tradizionalmente svolta.

Un’idea sicuramente interessante, perchè la possibilità di attuare il passaggio generazionale con la creazione di una startup che diventi banco di prova per gli eredi dell’imprenditore consente di raggiungere diversi obiettivi.

Innanzitutto si separa l’attività gestionale e organizzativa paterna da quella dei figli, che potranno così gestire una loro impresa con l’apporto dei genitori quali “angels”, sia sotto il profilo finanziario che manageriale.

Inoltre, questa prospettiva consente ai figli di mettere in campo competenze nuove maturate attraverso esperienze di studio e stage in Italia e all’estero, all’interno però di una loro impresa, con la possibilità di esprimersi più liberamente e di commettere qualche errore senza pregiudicare quanto costruito dai genitori con l’azienda di famiglia.

Altro interessante utilizzo della startup innovativa per la PMI può essere quella di aprirsi a nuovi mercati e a settori poco battuti ma speculari a quelli principali.

Le agevolazioni esistenti e in via di ampliamento – sia normative che fiscali – consentono più facilmente di misurarsi con realtà ad alto impatto digitale e tecnologico, bypassando anche il rischio di fallimento, che la legge sulle startup ha evitato per questo tipo di imprese, eliminando un “segno” capace di pregiudicare il futuro imprenditoriale di chi ha avuto il coraggio di rischiare ma non è riuscito ad ottenere i risultati sperati.

Foto del profilo di Stefano Narducci
Avvocato d’impresa. Si occupa prevalentemente delle problematiche legali del mondo business, con competenze multidisciplinari soprattutto in ambito digitale e web. Esperto di Startup, Crowdfunding, Contrattualistica e Diritto Digitale. Nel 2015 ha conseguito il titolo di “Specialist in Start Up d’impresa” presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.
0 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Privacy Policy

La presente Privacy Policy descrive le modalità di gestione di questo sito web, in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti/visitatori che lo consultano.

L’informativa è resa anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs n. 196/2003 – Codice in materia di protezione dei dati personali – a coloro che si collegano al sito raggiungibile digitando l’indirizzo web http://www.startupclub.it/. Il sito http://startupclub.it/ è di proprietà dell’avv. Stefano Narducci e gestito dall’Associazione Startup Club, Via Ciaia, 12, 72015 Fasano (BR).

L’Associazione Startup Club, garantisce il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, ai sensi e per gli effetti di cui al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice della Privacy).

Gli utenti/visitatori sono tenuti a prendere visione della seguente Privacy Policy, leggendola con attenzione prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale e/o compilare qualunque modulo elettronico presente sul suddetto sito.

Tipologia di dati trattati e finalità del trattamento

1) Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono alcuni dati personali che vengono trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che per loro natura potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti/visitatori (ad es. indirizzo IP, nomi di domini dei computer utilizzati dagli utenti/visitatori che si collegano al sito, ecc.).

I dati in questione vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico e sono quindi trattati in forma anonima, nonché per controllare il corretto funzionamento del sito, e non vengono trattenuti a seguito della loro elaborazione.

Nel caso in cui gli utenti/visitatori utilizzino i moduli di contatto presenti sul sito web, i dati immessi verranno utilizzati solo ed esclusivamente per assolvere alle richieste inoltrate e nessun dato verrà comunicato o diffuso a terzi.

2) Dati forniti volontariamente dagli utenti/visitatori
Qualora gli utenti/visitatori, collegandosi a questo sito, inviino propri dati personali per accedere a determinati servizi (es. download di contenuti digitali gratuiti, iscrizione all’associazione o registrazione al sito, iscrizione a mailing list e newsletter, modulo di contatto, ecc.) ovvero per effettuare richieste specifiche, i dati personali comunicati al gestore del sito verranno trattati esclusivamente per rispondere alla richiesta ovvero per la fornitura del servizio, nonché per tenere informati i visitatori che ne abbiano fatto richiesta su novità e informazioni comunque di loro interesse, che verranno fornite mediante invio di messaggi periodici di posta elettronica all’indirizzo dai medesimi comunicato in fase di registrazione.

I dati e le informazioni fornite dagli utenti/visitatori servono altresì a fornire contenuti e servizi personalizzati agli stessi, in modo da ottimizzare la loro esperienza di navigazione e l’utilizzo del sito web.

I dati personali forniti dagli utenti/visitatori verranno comunicati a terzi solo nel caso in cui la comunicazione sia necessaria in ragione delle specifiche richieste degli utenti/visitatori (che saranno in tal caso avvisati all’uopo) ovvero laddove essi abbiano autorizzato espressamente tale condivisione.

Nessun dato personale sensibile (es. razza, religione o simili) è raccolto dal sito web e di conseguenza condiviso con terze parti. Le immagini presenti sul portale sono esemplificative, fornite da terze parti o dalle stesse aziende produttrici che ne hanno autorizzato la pubblicazione.

3) Cookies
Non è fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti (es. tecniche di c.d. “remarketing”) di alcun tipo ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

L’uso di c.d. cookies di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. In particolare essi vengono utilizzati per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e la qualità dei servizi loro forniti.

I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente, atteso che i cookies utilizzati identificano in modo univoco soltanto il browser web dell’utente installato su uno specifico pc, mai le persone dei navigatori.

Modalità del trattamento

Il trattamento dei dati personali è effettuato per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati stessi sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni vigenti in materia di tutela della privacy (D. Lgs. n. 196/2003).

Facoltatività del conferimento dei dati

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, gli utenti/visitatori sono liberi di fornire ovvero non fornire i propri dati personali. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di soddisfare le richieste effettuate al gestore del sito e/o al responsabile del trattamento dei dati personali, che provvederanno a informare tempestivamente l’utente/visitatore, invitandolo a inoltrare i dati mancanti essenziali per poter ottenere il servizio dal medesimo richiesto.

Titolare e responsabile del trattamento dei dati personali

Il Titolare del trattamento è il sig. Stefano Narducci (presidente dell’Associazione Startup Club), il quale è altresì responsabile del trattamento stesso secondo le disposizioni vigenti in materia.

Diritti degli interessati

Gli utenti/visitatori che forniscono i loro dati personali a seguito dell’utilizzo del presente sito e delle sue funzionalità hanno diritto, in qualunque momento, di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza, chiederne l’integrazione, l’aggiornamento oppure la rettifica, ai sensi dell’art. 7 del D. Lgs. n. 196/2003.

Gli utenti/visitatori che abbiano fornito i loro dati personali al titolare/responsabile del trattamento, ai sensi della Privacy Policy del presente sito, hanno il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento inviando una e-mail a info@startupclub.it.

A tal fine il titolare/responsabile del trattamento dei dati personali, in relazione ai dati immessi per usufruire di specifici servizi (ad es. iscrizione alla mailing list del sito e/o newsletter periodica), consente la cancellazione semplificata degli utenti dalle liste cui si siano volontariamente iscritti, mediante un link di collegamento al software di gestione delle mailing list.

Foto del profilo di Stefano Narducci
Avvocato d’impresa. Si occupa prevalentemente delle problematiche legali del mondo business, con competenze multidisciplinari soprattutto in ambito digitale e web. Esperto di Startup, Crowdfunding, Contrattualistica e Diritto Digitale. Nel 2015 ha conseguito il titolo di “Specialist in Start Up d’impresa” presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli.

Come possiamo aiutarti?

Inviaci un messaggio, ti risponderemo entro 24 ore!

Invio

© [2015] Associazione STARTUP CLUB 

Termini e Condizioni di utilizzo

Loggati con le tue credenziali

or    

Hai dimenticato i tuoi dettagli?